Platone e lo straniero: un visitatore nella città e un ospite nel dialogo