L’esilio a Buenos Aires e il ritorno alla pittura: le liricografie di Rafael Alberti