Il “Bosco temporaneo di San Lorenzo” è stato inaugurato il 24 luglio 2017, nell’area dell’Ex-Dogana a San Lorenzo, con la partecipazione dell’Università Sapienza di Roma, del II Municipio e della struttura Ex- Dogana. Il Bosco è un progetto pilota che nasce da una ricerca multidisciplinare della Sapienza “Rome: II Municipio Green Network” finalizzata a promuovere iniziative e progetti sostenibili, diffondere la cultura della sostenibilità nelle scuole e tra i cittadini. La ricerca propone lo studio di un green network nell’area-test di San Lorenzo che colleghi attraverso “strade verdi” gli spazi nodali del quartiere. E, tra questi, il Bosco Temporaneo, costituisce il nodo più innovativo e più simbolico. La sua realizzazione permette di rappresentare concretamente come il cambiamento, l’avvio di un percorso verso una transizione ecologica, sia possibile. Le oltre 100 piante, in parte donate dalla Tenuta Presidenziale di Castelporziano Riserva Naturale Statale e in parte acquistate dalla Ex - Dogana, costituiscono una testimonianza importante, una sperimentazione esemplare, unica nella città di Roma. Appena arrivati, gli alberi hanno cambiato l’atmosfera in un’area difficile del quartiere, in corso di trasformazione. Nel caso di diversa destinazione l’intero bosco potrà essere collocato altrove, perciò gli alberi sono in vaso pronti per essere utilizzati per creare nuove prospettive verdi, riqualificare altri spazi, filtrare l’aria e abbassare la temperatura, contribuire al benessere psico-fisico degli abitanti. L’obiettivo è ambizioso, ma necessario, in linea con tutti i più rilevanti documenti internazionali firmati dai “grandi del mondo” - Italia compresa – (dal Summit di Parigi del 2015 al G7 dell’ambiente del 2017). Clima e biodiversità sono urgenze improcrastinabili per garantire la vivibilità urbana e il Bosco di San Lorenzo, e i suoi alberi, costituiscono un primo passo in questa direzione. Tuttavia il successo del Bosco consiste nella sua replicabilità. Piantare alberi, diffondere la vegetazione è una strategia per contrastare i cambiamenti climatici che molte città già condividono (in Europa, negli Stati Uniti, in Cina, ...). La giornata dell’albero ha perciò anche il compito di ricordare ai rappresentanti di Istituzioni e di Enti Locali, agli abitanti e ai giovani che piantare un albero è un atto di consapevolezza, un dono per tutti, la garanzia di un futuro migliore. Perciò il Municipio II, la Sapienza Università di Roma, la Ex - Dogana intendono celebrare questa giornata nel Bosco di San Lorenzo, dalle 9.30 alle 12.30, insieme alle scuole. Con l’obiettivo di sollecitare tutti ad avviare o rilanciare azioni (piccole come un orto e grandi come un bosco) che possano sostenere e diffondere la cultura della sostenibilità nel nostro Paese. In occasione della festa dell’Albero viene presentato il Premio “Bosco di San Lorenzo, l’albero del cuore” aperto a tutte le scuole della città.

21 novembre, Giornata dell’Albero, “Il Bosco Temporaneo di San Lorenzo e i suoi alberi” / Fratini, Fabiola. - (2017). ((Intervento presentato al convegno 21 novembre, giornata dell’albero: “Il Bosco Temporaneo di San Lorenzo e i suoi alberi” tenutosi a Roma, San Lorenzo, Bosco Temporaneo area dell'ex-Dogana nel 21 novembre 2017.

21 novembre, Giornata dell’Albero, “Il Bosco Temporaneo di San Lorenzo e i suoi alberi”

Fabiola Fratini
Conceptualization
2017

Abstract

Il “Bosco temporaneo di San Lorenzo” è stato inaugurato il 24 luglio 2017, nell’area dell’Ex-Dogana a San Lorenzo, con la partecipazione dell’Università Sapienza di Roma, del II Municipio e della struttura Ex- Dogana. Il Bosco è un progetto pilota che nasce da una ricerca multidisciplinare della Sapienza “Rome: II Municipio Green Network” finalizzata a promuovere iniziative e progetti sostenibili, diffondere la cultura della sostenibilità nelle scuole e tra i cittadini. La ricerca propone lo studio di un green network nell’area-test di San Lorenzo che colleghi attraverso “strade verdi” gli spazi nodali del quartiere. E, tra questi, il Bosco Temporaneo, costituisce il nodo più innovativo e più simbolico. La sua realizzazione permette di rappresentare concretamente come il cambiamento, l’avvio di un percorso verso una transizione ecologica, sia possibile. Le oltre 100 piante, in parte donate dalla Tenuta Presidenziale di Castelporziano Riserva Naturale Statale e in parte acquistate dalla Ex - Dogana, costituiscono una testimonianza importante, una sperimentazione esemplare, unica nella città di Roma. Appena arrivati, gli alberi hanno cambiato l’atmosfera in un’area difficile del quartiere, in corso di trasformazione. Nel caso di diversa destinazione l’intero bosco potrà essere collocato altrove, perciò gli alberi sono in vaso pronti per essere utilizzati per creare nuove prospettive verdi, riqualificare altri spazi, filtrare l’aria e abbassare la temperatura, contribuire al benessere psico-fisico degli abitanti. L’obiettivo è ambizioso, ma necessario, in linea con tutti i più rilevanti documenti internazionali firmati dai “grandi del mondo” - Italia compresa – (dal Summit di Parigi del 2015 al G7 dell’ambiente del 2017). Clima e biodiversità sono urgenze improcrastinabili per garantire la vivibilità urbana e il Bosco di San Lorenzo, e i suoi alberi, costituiscono un primo passo in questa direzione. Tuttavia il successo del Bosco consiste nella sua replicabilità. Piantare alberi, diffondere la vegetazione è una strategia per contrastare i cambiamenti climatici che molte città già condividono (in Europa, negli Stati Uniti, in Cina, ...). La giornata dell’albero ha perciò anche il compito di ricordare ai rappresentanti di Istituzioni e di Enti Locali, agli abitanti e ai giovani che piantare un albero è un atto di consapevolezza, un dono per tutti, la garanzia di un futuro migliore. Perciò il Municipio II, la Sapienza Università di Roma, la Ex - Dogana intendono celebrare questa giornata nel Bosco di San Lorenzo, dalle 9.30 alle 12.30, insieme alle scuole. Con l’obiettivo di sollecitare tutti ad avviare o rilanciare azioni (piccole come un orto e grandi come un bosco) che possano sostenere e diffondere la cultura della sostenibilità nel nostro Paese. In occasione della festa dell’Albero viene presentato il Premio “Bosco di San Lorenzo, l’albero del cuore” aperto a tutte le scuole della città.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1452444
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact