«La nostra condotta in terre occupate fu disgustosa». Th. Valtinòs e il romanzo come archivio critico della memoria