Quando "sguardo" e "bellezza" si fanno parola