La Necropoli dell'antica Cirene cinge in ogni direzione l'abitato dell'odierna Shahat e si estende ordinata e incommensurabile per un raggio di circa 2 km, con più di 1400 tombe monumentali che riempiono i terrazzamenti degli uidian. Questa città dei morti racconta la storia di Cirene e dell'interazione tra l'elemento locale e la presenza greco-romana, ponendosi a testimonianza di una complessa cultura funeraria evolutasi per oltre un millennio. Il presente studio propone la Tomba S 147, un grande sepolcreto ipogeo ancora inedito ubicato nel lato più occidentale della Necropoli Sud che, per i numerosi elementi di interesse e novità, riveste una posizione di rilievo nel quadro dell'architettura funeraria cirenea. Il dato più interessante è costituito dalle molteplici iscrizioni in lingua greca e latina che recano formule onomastiche e numerali, tracciate a carboncino con i colori rosso e nero e collocate nei luoghi più in vista del sepolcreto, per la maggior parte sulle pareti e sulle porte di accesso alle camere funerarie. In particolare, l'iscrizione della Galleria AB è particolarmente interessante per la sua ispirazione letteraria: essa è la quarta testimonianza di un motto pesudoepicarmeo (fr. 297 K.-A.), che ebbe una lunga storia letteraria ed epigrafica nel corso dei secoli.

Pseudo-Epicharmean verses in a new inscription from the necropolis of Cyrene (Tombs S 147) / Cinalli, Angela. - (2018), pp. 77-92. [10.13133/9788893770736].

Pseudo-Epicharmean verses in a new inscription from the necropolis of Cyrene (Tombs S 147)

angela cinalli
2018

Abstract

La Necropoli dell'antica Cirene cinge in ogni direzione l'abitato dell'odierna Shahat e si estende ordinata e incommensurabile per un raggio di circa 2 km, con più di 1400 tombe monumentali che riempiono i terrazzamenti degli uidian. Questa città dei morti racconta la storia di Cirene e dell'interazione tra l'elemento locale e la presenza greco-romana, ponendosi a testimonianza di una complessa cultura funeraria evolutasi per oltre un millennio. Il presente studio propone la Tomba S 147, un grande sepolcreto ipogeo ancora inedito ubicato nel lato più occidentale della Necropoli Sud che, per i numerosi elementi di interesse e novità, riveste una posizione di rilievo nel quadro dell'architettura funeraria cirenea. Il dato più interessante è costituito dalle molteplici iscrizioni in lingua greca e latina che recano formule onomastiche e numerali, tracciate a carboncino con i colori rosso e nero e collocate nei luoghi più in vista del sepolcreto, per la maggior parte sulle pareti e sulle porte di accesso alle camere funerarie. In particolare, l'iscrizione della Galleria AB è particolarmente interessante per la sua ispirazione letteraria: essa è la quarta testimonianza di un motto pesudoepicarmeo (fr. 297 K.-A.), che ebbe una lunga storia letteraria ed epigrafica nel corso dei secoli.
Munus Laetitiae. Studi miscellanei offerti a Maria Letizia Lazzarini. Vol. I
978-88-9377-073-6
greek epigraphy and literature; funerary inscription; archaeology; ancient Cyrene; necropolis
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
Pseudo-Epicharmean verses in a new inscription from the necropolis of Cyrene (Tombs S 147) / Cinalli, Angela. - (2018), pp. 77-92. [10.13133/9788893770736].
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Cinalli_Pseudo-Epicharmean_2018.pdf

accesso aperto

Note: http://www.editricesapienza.it/sites/default/files/5555_Munus_Laetitiae_Part_1_0.pdf
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.36 MB
Formato Adobe PDF
1.36 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1448965
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact