Il «tabernacolo della vertigine». Turismo ed emozione