Governi tecnici, sfiduciati, pro tempore, e di transizione fanno da sfondo al voto europeo