La malattia che cura il teatro