Storie del disagio urbano. La metropoli come scenografia della comunicazione distopica