L'angoscia dell'alternativa. Boito e il melodramma scapigliato