Presento una riflessione sulle forme e sulle funzioni della dimensione spaziale nella scrittura di Luce d’Eramo, in particolare nel romanzo “Partiranno” (1986): «il libro che mi ha dato più spazio mentale», nelle parole dell’autrice. L’ambientazione urbana si esprime in questo romanzo con una scelta meticolosa di luoghi e percorsi romani e si intreccia con la scoperta dei territori degli alieni. Nel linguaggio si incontrano le due diverse prospettive spazio-temporali, umana e aliena. Sapienti invenzioni neologiche tentano di accorciare le distanze, permettono di penetrare mondi e realtà sconosciute. La ristrutturazione dei legami semantici in accostamenti lessicali inediti, comporta un naturale spiazzamento nel lettore, in bilico tra realtà e fantasia, tra noto e ignoto, frequenti le metafore dello spazio e sullo spazio. Si è parlato, a questo proposito, di una “estetica dell’ignoto”; l’esplorazione dell’altro è «sconfinare dalla durezza umana» (per Luce d’Eramo) e ritrovare una umanità più vera. La scrittura si muove tra spostamenti e spiazzamenti, rappresentazioni di luoghi reali e utopie di spazi mentali, in una continua ricerca di equilibrio tra (iper)realismo e ironia, oggettività e poesia.

“Sconfinare dalla durezza umana”. Lo spazio nella scrittura di Luce d’Eramo / Cantoni, Paola. - (2020), pp. 95-107. - CIVILTÀ ITALIANA. NUOVA SERIE.

“Sconfinare dalla durezza umana”. Lo spazio nella scrittura di Luce d’Eramo

Cantoni, Paola
2020

Abstract

Presento una riflessione sulle forme e sulle funzioni della dimensione spaziale nella scrittura di Luce d’Eramo, in particolare nel romanzo “Partiranno” (1986): «il libro che mi ha dato più spazio mentale», nelle parole dell’autrice. L’ambientazione urbana si esprime in questo romanzo con una scelta meticolosa di luoghi e percorsi romani e si intreccia con la scoperta dei territori degli alieni. Nel linguaggio si incontrano le due diverse prospettive spazio-temporali, umana e aliena. Sapienti invenzioni neologiche tentano di accorciare le distanze, permettono di penetrare mondi e realtà sconosciute. La ristrutturazione dei legami semantici in accostamenti lessicali inediti, comporta un naturale spiazzamento nel lettore, in bilico tra realtà e fantasia, tra noto e ignoto, frequenti le metafore dello spazio e sullo spazio. Si è parlato, a questo proposito, di una “estetica dell’ignoto”; l’esplorazione dell’altro è «sconfinare dalla durezza umana» (per Luce d’Eramo) e ritrovare una umanità più vera. La scrittura si muove tra spostamenti e spiazzamenti, rappresentazioni di luoghi reali e utopie di spazi mentali, in una continua ricerca di equilibrio tra (iper)realismo e ironia, oggettività e poesia.
978-88-7667-833-2
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Cantoni_Sconfinare-durezza-umana_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.16 MB
Formato Adobe PDF
1.16 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1420357
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact