Il cinema della flanerie: verso un cubismo della percezione