George L. Mosse, l'Italia e gli storici