Medio Oriente: rifare un cinema politico