Il cinema (ri)assegnato