The essay focuses on engineer Arturo Hoerner (1893-1979) and analyzes its rich design work, so far little investigated, which is linked to the prestigious patronage of Baron Alberto Fassini (1875-1942). This character which is engraved a biographical profile, aimed in particular to investigate the various cultural interests of an eclectic entrepreneur. The formation of Hoerner is carried out within the Associazione Artistica Cultori Architettura di Roma (AACAR) and then in the circle of Gustavo Giovannoni; he reveals an "integral" approach to the profession, as is clear from the writings of the historical context and the multiple types addressed in the long professional career (houses, churchs, airports, hotels, manufactories). Its activity has been investigated mainly by consulting unpublished archival material, preserved in the archives of the Roman archives and family papers. Engineer designs for Fassini in fact the residence on the Via Tiburtina (location Casalbruciato), the complex of villas of SIA in Capri and holiday villa in Lacco Ameno. Last essential works are the projects for hotels of Compagnia Immobiliare Alberghi Africa Orientale (CIAAO) chaired by Fassini, made in the years 1938-1939 at Gondar, Dire Daua, Massaua, Gimma.

Il saggio si incentra sulla figura dell’ingegnere Arturo Hoerner (1893-1979), la cui molteplice attività progettuale, sinora inedita, risulta legata a doppio filo alla prestigiosa committenza del barone Alberto Fassini (1875-1942), del quale è tracciato un profilo biografico, che svela gli svariati interessi culturali di un imprenditore eclettico. La formazione culturale di Hoerner, sviluppatasi nell'ambito dell’Associazione Artistica Cultori Architettura di Roma e quindi nella cerchia di Gustavo Giovannoni, rivela un approccio “integrale” alla professione, come si evince anche dai suoi studi a carattere storico e dalle molteplici tipologie affrontate nella lunga carriera professionale, indagata soprattutto attraverso la consultazione di materiale archivistico inedito, conservato sia in archivi romani sia nell’archivio della famiglia. Approccio che si palesa nell’articolato progetto dello stabilimento reatino della Supertessile, impegno prestigioso da leggere e considerare in connessione con i progetti curati da Hoerner negli stessi anni per l’imprenditore piemontese: dalla residenza sulla via Tiburtina (località Casalbruciato) al complesso di villini della società S.I.A. a Capri e alla villa Fassini a Lacco Ameno; collaborazione che riguardò anche il territorio dell’Africa Orientale, dove l’ingegnere nel 1938-39 si occupò del progetto degli alberghi della Compagnia Immobiliare Alberghi Africa Orientale (CIAAO), presieduta dal Fassini, nelle località di Gondar, Dire Daua, Massaua e Gimma.

Il sodalizio tra il barone Alberto Fassini Camossi e l’ingegnere Arturo Hoerner nella progettazione dello stabilimento Supertessile di Rieti / DI MARCO, Fabrizio. - (2014), pp. 147-170.

Il sodalizio tra il barone Alberto Fassini Camossi e l’ingegnere Arturo Hoerner nella progettazione dello stabilimento Supertessile di Rieti

Di Marco Fabrizio
2014

Abstract

Il saggio si incentra sulla figura dell’ingegnere Arturo Hoerner (1893-1979), la cui molteplice attività progettuale, sinora inedita, risulta legata a doppio filo alla prestigiosa committenza del barone Alberto Fassini (1875-1942), del quale è tracciato un profilo biografico, che svela gli svariati interessi culturali di un imprenditore eclettico. La formazione culturale di Hoerner, sviluppatasi nell'ambito dell’Associazione Artistica Cultori Architettura di Roma e quindi nella cerchia di Gustavo Giovannoni, rivela un approccio “integrale” alla professione, come si evince anche dai suoi studi a carattere storico e dalle molteplici tipologie affrontate nella lunga carriera professionale, indagata soprattutto attraverso la consultazione di materiale archivistico inedito, conservato sia in archivi romani sia nell’archivio della famiglia. Approccio che si palesa nell’articolato progetto dello stabilimento reatino della Supertessile, impegno prestigioso da leggere e considerare in connessione con i progetti curati da Hoerner negli stessi anni per l’imprenditore piemontese: dalla residenza sulla via Tiburtina (località Casalbruciato) al complesso di villini della società S.I.A. a Capri e alla villa Fassini a Lacco Ameno; collaborazione che riguardò anche il territorio dell’Africa Orientale, dove l’ingegnere nel 1938-39 si occupò del progetto degli alberghi della Compagnia Immobiliare Alberghi Africa Orientale (CIAAO), presieduta dal Fassini, nelle località di Gondar, Dire Daua, Massaua e Gimma.
2014
Architetture industriali dismesse. Rieti, conoscenza e recupero dei siti produttivi di viale Maraini
9788896386248
The essay focuses on engineer Arturo Hoerner (1893-1979) and analyzes its rich design work, so far little investigated, which is linked to the prestigious patronage of Baron Alberto Fassini (1875-1942). This character which is engraved a biographical profile, aimed in particular to investigate the various cultural interests of an eclectic entrepreneur. The formation of Hoerner is carried out within the Associazione Artistica Cultori Architettura di Roma (AACAR) and then in the circle of Gustavo Giovannoni; he reveals an "integral" approach to the profession, as is clear from the writings of the historical context and the multiple types addressed in the long professional career (houses, churchs, airports, hotels, manufactories). Its activity has been investigated mainly by consulting unpublished archival material, preserved in the archives of the Roman archives and family papers. Engineer designs for Fassini in fact the residence on the Via Tiburtina (location Casalbruciato), the complex of villas of SIA in Capri and holiday villa in Lacco Ameno. Last essential works are the projects for hotels of Compagnia Immobiliare Alberghi Africa Orientale (CIAAO) chaired by Fassini, made in the years 1938-1939 at Gondar, Dire Daua, Massaua, Gimma.
Rieti; recupero siti industriali; Hoerner
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
Il sodalizio tra il barone Alberto Fassini Camossi e l’ingegnere Arturo Hoerner nella progettazione dello stabilimento Supertessile di Rieti / DI MARCO, Fabrizio. - (2014), pp. 147-170.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Di Marco_Sodalizio-barone-Alberto-Fassini-Camossi_2014.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 4.57 MB
Formato Adobe PDF
4.57 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1366722
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact