“Non ci si può mai nascondere dietro il lettino”: la soggettività del terapeuta tra clinica e ricerca