“Una porzione di felicità autentica”: dalle memorie di Dmitrij Grigorovič