Contro la creazione. L’architetto come interprete