L’architettura è partecipazione? Il difficile connubio di specificità disciplinare e compromissione sociale