Kostas Tachtsìs. La scrittura come gioco di specchi