Nato a Salonicco nel 1927 e assassinato nel suo appartamento sessantuno anni dopo, Kostas Tachtsìs, omosessuale dichiarato, è stata una figura controversa e uno scrittore tra i più apprezzati del Novecento greco. La sua produzione letteraria, che comprende versi e prosa, riflette l'interesse dell'autore per il tema del confine tra fiction e autobiografia, dell'identità e della famiglia.

Kostas Tachtsìs. La scrittura come gioco di specchi / Zaccone, Francesca. - (2020).

Kostas Tachtsìs. La scrittura come gioco di specchi

Zaccone, Francesca
2020

Abstract

Nato a Salonicco nel 1927 e assassinato nel suo appartamento sessantuno anni dopo, Kostas Tachtsìs, omosessuale dichiarato, è stata una figura controversa e uno scrittore tra i più apprezzati del Novecento greco. La sua produzione letteraria, che comprende versi e prosa, riflette l'interesse dell'autore per il tema del confine tra fiction e autobiografia, dell'identità e della famiglia.
Il resto
978-8862802956
greco; letteratura greca; Tachtsìs; traduzione;
02 Pubblicazione su volume::02c Prefazione/Postfazione
Kostas Tachtsìs. La scrittura come gioco di specchi / Zaccone, Francesca. - (2020).
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Zaccone_Kostas-Tachtsìs_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 345.38 kB
Formato Adobe PDF
345.38 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1349883
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact