Sulle "orme" di Epicuro. Il "De rerum natura" di Lucrezio, fra tradizione e innovazione