Accoglienza e Roma: un binomio oggi difficile?