La ricerca presentata in “Città immaginate. Riuso e nuove forme dell’abitare” nasce nel 2016 dalla determinazione di collettivi sociali (Lab!Puzzle, Dinamopress) e artistici (LEROY S.P.Q.R’DAM, LAC_ Laboratorio Arti Civiche), studiosi e accademici (Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Sassari, Università di Roma Tre, École Polytechnique Fédérale de Lausanne, Gran Sasso Science Institute) con l’obiettivo di analizzare, decifrare e far emergere i contenuti e i valori di quelle ‘occasioni’ che si intravedono all’orizzonte quando si è capaci di leggere le sperimentazioni presenti nei territori, le visioni di cui sono portatrici. Distanti dalla formalità dei piani urbanistici, dalle atmosfere ordinate delle città consolidate, emergono, in forme disperse e plurali, i molteplici segnali di una creatività vitale e dinamica. Si tratta di processi e pratiche di appropriazione e ri-appropriazione che trasformano gli spazi in contesti di vita. Minuziose e capillari operazioni del quotidiano interpretano i tanti luoghi, ormai senza vita, disseminati negli interstizi della città vecchia e nei suoi quartieri periferici, spesso senza lasciare orme e tracce visibili. Avvicinarsi, guardare, stabilire un primo contatto visivo, analizzare queste trasformazioni, è la sfida che i curatori del volume hanno accettato per mettere insieme i frammenti disconnessi di un viaggio tutt’ora in corso, in un momento in cui traiettorie e mete non sono ancora così palesi da poter essere comprese nella loro interezza.

Città immaginate. Riuso e nuove forme dell’abitare / Gissara, Marco; Percoco, Maura; Rosmini, Emilia. - (2019), pp. 1-224.

Città immaginate. Riuso e nuove forme dell’abitare

Marco, Gissara;Maura, Percoco;Emilia, Rosmini
2019

Abstract

La ricerca presentata in “Città immaginate. Riuso e nuove forme dell’abitare” nasce nel 2016 dalla determinazione di collettivi sociali (Lab!Puzzle, Dinamopress) e artistici (LEROY S.P.Q.R’DAM, LAC_ Laboratorio Arti Civiche), studiosi e accademici (Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Sassari, Università di Roma Tre, École Polytechnique Fédérale de Lausanne, Gran Sasso Science Institute) con l’obiettivo di analizzare, decifrare e far emergere i contenuti e i valori di quelle ‘occasioni’ che si intravedono all’orizzonte quando si è capaci di leggere le sperimentazioni presenti nei territori, le visioni di cui sono portatrici. Distanti dalla formalità dei piani urbanistici, dalle atmosfere ordinate delle città consolidate, emergono, in forme disperse e plurali, i molteplici segnali di una creatività vitale e dinamica. Si tratta di processi e pratiche di appropriazione e ri-appropriazione che trasformano gli spazi in contesti di vita. Minuziose e capillari operazioni del quotidiano interpretano i tanti luoghi, ormai senza vita, disseminati negli interstizi della città vecchia e nei suoi quartieri periferici, spesso senza lasciare orme e tracce visibili. Avvicinarsi, guardare, stabilire un primo contatto visivo, analizzare queste trasformazioni, è la sfida che i curatori del volume hanno accettato per mettere insieme i frammenti disconnessi di un viaggio tutt’ora in corso, in un momento in cui traiettorie e mete non sono ancora così palesi da poter essere comprese nella loro interezza.
Gissara, Marco; Percoco, Maura; Rosmini, Emilia
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Gissara_Città-immaginate_2019.pdf

accesso aperto

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.12 MB
Formato Adobe PDF
1.12 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1343229
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact