Giorgio Del Vecchio, la colpa e la memoria