La Nazi-Sexploitation e il "teatro della crudeltà" del potere