La questione, controversa e attuale, è se le rivoluzioni arabe abbiano davvero portato ad una inversione di rotta o se, invece, pur sbarrando definitivamente la porta agli ancien régime autoritari e corrotti, abbiano aperto la strada a governi (democraticamente eletti ma) non rappresentativi del complesso delle istanze rivoluzionarie. Questi rovesciamenti dei regimi, che pure hanno posto le premesse per la rinegoziazione del contratto sociale sono, infatti, ancora lontani dall’’aver incluso nei nuovi ordinamenti le minoranze religiose presenti nei diversi paesi. Sicché la riflessione sul rapporto tra società (dawla) e religione (dîn), che pone l’’accento sulla problematicità di un assetto organicamente ‘‘laico’’ della compagine statale e sulla credibilità di nozioni a lungo sperimentate come quella di ‘‘secolarismo’’ e ‘‘tradizione’’, è tornata nuovamente al centro del dibattito, soprattutto alla luce delle discriminazioni portate avanti contro le minoranze religiose presenti nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, dove il risveglio dell’’Islam politico mette a dura prova la libertà religiosa e i diritti umani.

La questione confessionale nell'Egitto post-rivoluzionario / Melcangi, A. - (2013), pp. 83-90.

La questione confessionale nell'Egitto post-rivoluzionario

Melcangi A
2013

Abstract

La questione, controversa e attuale, è se le rivoluzioni arabe abbiano davvero portato ad una inversione di rotta o se, invece, pur sbarrando definitivamente la porta agli ancien régime autoritari e corrotti, abbiano aperto la strada a governi (democraticamente eletti ma) non rappresentativi del complesso delle istanze rivoluzionarie. Questi rovesciamenti dei regimi, che pure hanno posto le premesse per la rinegoziazione del contratto sociale sono, infatti, ancora lontani dall’’aver incluso nei nuovi ordinamenti le minoranze religiose presenti nei diversi paesi. Sicché la riflessione sul rapporto tra società (dawla) e religione (dîn), che pone l’’accento sulla problematicità di un assetto organicamente ‘‘laico’’ della compagine statale e sulla credibilità di nozioni a lungo sperimentate come quella di ‘‘secolarismo’’ e ‘‘tradizione’’, è tornata nuovamente al centro del dibattito, soprattutto alla luce delle discriminazioni portate avanti contro le minoranze religiose presenti nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, dove il risveglio dell’’Islam politico mette a dura prova la libertà religiosa e i diritti umani.
Dove vanno le primavere arabe?
978-88-230-1786-3
Egitto, primavera araba, fratelli musulmani, copti
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
La questione confessionale nell'Egitto post-rivoluzionario / Melcangi, A. - (2013), pp. 83-90.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
primavere arabe_melcangi-1.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.66 MB
Formato Adobe PDF
1.66 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1284469
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact