Il saggio esamina le peculiarità del linguaggio giuridico. Dopo aver distinto tra tecnicismi specifici (necessari) e collaterali (non necessari), il contributo si sofferma sulla lingua dei testi normativi, delle sentenze e dei provvedimenti amministrativi, sottolineandone la lontananza dal linguaggio comune. In conclusione, si segnala la progressione emersione di un diritto non scritto, caratterizzato da un linguaggio più prossimo alla quotidianità.

Diritto tra lingua e "antilingua" / D'Alberti, Marco. - (2017), pp. 344-352.

Diritto tra lingua e "antilingua"

marco d'alberti
2017

Abstract

Il saggio esamina le peculiarità del linguaggio giuridico. Dopo aver distinto tra tecnicismi specifici (necessari) e collaterali (non necessari), il contributo si sofferma sulla lingua dei testi normativi, delle sentenze e dei provvedimenti amministrativi, sottolineandone la lontananza dal linguaggio comune. In conclusione, si segnala la progressione emersione di un diritto non scritto, caratterizzato da un linguaggio più prossimo alla quotidianità.
978-88-921-1090-8
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
D'Alberti_Diritto-lingua-antilingua_2017.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 4.03 MB
Formato Adobe PDF
4.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1252938
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact