Le “nuove” forme dell’abitare. Il cohousing come “comunità intenzionale”