Il "contrasto" nei legami integrali. Una lettura simmeliana