La rappresentazione della nobiltà napoletana nella relazione di un servitore fiammingo di Carlo V