Ovidio, Fasti 3. Commento filologico e critico-interpretativo ai vv. 1-516