Tra intimità e politica dello sguardo: il cinema come critica dell'immagine