Drammaturgia della fine. Da Eschilo a Emma Dante