"Sogno (ma forse no)". Pirandello e il cinema tedesco degli anni Venti