The short paper aims to point out content and peculiarities of a Thesis discussed by Leonora Marzullo, Faculty of Architecture, Sapienza Università di Roma in 2016.

Il breve contributo mira a focalizzare contenuti e punti di interesse della tesi in Architettura discussa da Leonora Marzuolo nel 2016. La tesi muove dal desiderio di riconnettere arte e architettura attraverso gli strumenti della ricerca (documentale e iconografica), della modellazione digitale e soprattutto della fotografia, mezzo espressivo particolarmente vicino alla sensibilità di Leonora Marzullo, analizzando, come caso-studio, il progetto di Enzo Venturelli per la casa-atelier di Umberto Mastroianni sulle colline torinesi, del 1954. Partendo dal rapporto tra Venturelli, architetto sui generis e autore di un’indagine formale e tipologica sull’“urbanistica spaziale” della metropoli moderna, e la tensione informale di Mastroianni intesa come strumento per incidere sulla società, Marzullo indaga le suggestioni artistiche e gli esiti architettonici alla base di ricerche formali prossime all’utopia. Nella casa-atelier l’architettura si ripensa in funzione dell’arte, l’arte si rivolge all’architettura in quanto strumento per intervenire sulla realtà: la risultante appare come una forza in grado di agire sulla staticità del volume fino a spezzarlo in masse indipendenti, corrugando la superficie al limite del camouflage. Al pari della fotografia intesa come strumento critico, il modello digitale non rimane imparziale, ma usa i suoi stessi strumenti per restituire una visione sensibile dei valori costruttivi e spaziali, collaborando alla ricostruzione dei motivi che portarono a un severo giudizio storico sull’opera.

Il rapporto architetto-artista. L'analisi della casa Mastroianni a Torino / Carlevaris, L.; Colonnese, F.; Marzullo, Laura. - STAMPA. - (2018), pp. 260-261.

Il rapporto architetto-artista. L'analisi della casa Mastroianni a Torino

L. CARLEVARIS;F. COLONNESE;MARZULLO, LAURA
2018

Abstract

Il breve contributo mira a focalizzare contenuti e punti di interesse della tesi in Architettura discussa da Leonora Marzuolo nel 2016. La tesi muove dal desiderio di riconnettere arte e architettura attraverso gli strumenti della ricerca (documentale e iconografica), della modellazione digitale e soprattutto della fotografia, mezzo espressivo particolarmente vicino alla sensibilità di Leonora Marzullo, analizzando, come caso-studio, il progetto di Enzo Venturelli per la casa-atelier di Umberto Mastroianni sulle colline torinesi, del 1954. Partendo dal rapporto tra Venturelli, architetto sui generis e autore di un’indagine formale e tipologica sull’“urbanistica spaziale” della metropoli moderna, e la tensione informale di Mastroianni intesa come strumento per incidere sulla società, Marzullo indaga le suggestioni artistiche e gli esiti architettonici alla base di ricerche formali prossime all’utopia. Nella casa-atelier l’architettura si ripensa in funzione dell’arte, l’arte si rivolge all’architettura in quanto strumento per intervenire sulla realtà: la risultante appare come una forza in grado di agire sulla staticità del volume fino a spezzarlo in masse indipendenti, corrugando la superficie al limite del camouflage. Al pari della fotografia intesa come strumento critico, il modello digitale non rimane imparziale, ma usa i suoi stessi strumenti per restituire una visione sensibile dei valori costruttivi e spaziali, collaborando alla ricostruzione dei motivi che portarono a un severo giudizio storico sull’opera.
9788896434512
The short paper aims to point out content and peculiarities of a Thesis discussed by Leonora Marzullo, Faculty of Architecture, Sapienza Università di Roma in 2016.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Carlevaris_Annuario_2018.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Documento in Post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 378.52 kB
Formato Adobe PDF
378.52 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1089194
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact