L'ultimo Sombart e il punto d'approdo di un'antropologia "pura": il canto del cigno dell'Europa romantica