La prima filologia tassiana, tra recupero e arbitrio