Cities and megacities constitute the ultimate horizon of our global civilization. The urbanization process that has occurred over the past fifty years has yielded unprecedented results: more than half of the world's population now lives in urban centers, with estimates that they are steadily growing for the coming decades. If the city of the past, that is to say the industrial city, was the result of the technology of the age, and therefore of industrialization, what is the urban equivalent of current technology? In a context in which technology and network connections are more and more pervasive, new models of cities are born with the word "smart" as an adjective. Therefore, smartness can be traced in the application of a systemic approach to environmental, social and economic problems (Barile, 2012, Barile et al, 2012, 2014, 2015, Simone et al 2018); smart cities are defined as such because, together with their design, objectives of sustainable development, energy efficiency, innovation and reduction of polluting emissions are pursued. The purpose of this chapter is to study the processes that have led to the inclusion of global urban redevelopment projects in global policies, and to critically analyze its environmental performance.

Città e megalopoli costituiscono l‘orizzonte ultimo della nostra civiltà globale. Il processo di urbanizzazione che si è verificato nel corso degli ultimi cinquant’anni ha dato risultati senza precedenti: più della metà della popolazione mondiale vive oggi nei centri urbani, con stime che registrano una crescita costante di tale condizione per i prossimi decenni. Se la città del passato, vale a dire la città industriale, era risultato della tecnologia dell’epoca, e quindi dell’industrializzazione, qual è l’equivalente a livello urbano della tecnologia attuale? In un contesto in cui la tecnologia e le connessioni di rete sono sempre più pervasive nascono nuovi modelli di città che hanno come aggettivo caratterizzante la parola “smart”. La smartness è, pertanto, rintracciabile nell’applicazione di un approccio sistemico ai problemi ambientali, sociali ed economici (Barile, 2012; Barile et al, 2012, 2014, 2015; Simone et al. 2018); le smart city si definiscono tali perché, contestualmente alla loro progettazione, vengono perseguiti obiettivi di sviluppo sostenibile, di efficienza energetica, innovazione e riduzione delle emissioni inquinanti. Lo scopo del presente capitolo è quello di studiare i processi che hanno portato ad includere nelle politiche globali progetti di riqualificazione urbana, ed analizzare in modo critico le sue performances ambientali.

Le Smart City: il controllo e gli indicatori di performance per la sostenibilità ambientale / Conti, Marcelo Enrique; Simone, Cristina; Loia, Francesca. - STAMPA. - 11(2018), pp. 323-364.

Le Smart City: il controllo e gli indicatori di performance per la sostenibilità ambientale

Marcelo Enrique Conti
;
Cristina Simone;LOIA, FRANCESCA
2018

Abstract

Città e megalopoli costituiscono l‘orizzonte ultimo della nostra civiltà globale. Il processo di urbanizzazione che si è verificato nel corso degli ultimi cinquant’anni ha dato risultati senza precedenti: più della metà della popolazione mondiale vive oggi nei centri urbani, con stime che registrano una crescita costante di tale condizione per i prossimi decenni. Se la città del passato, vale a dire la città industriale, era risultato della tecnologia dell’epoca, e quindi dell’industrializzazione, qual è l’equivalente a livello urbano della tecnologia attuale? In un contesto in cui la tecnologia e le connessioni di rete sono sempre più pervasive nascono nuovi modelli di città che hanno come aggettivo caratterizzante la parola “smart”. La smartness è, pertanto, rintracciabile nell’applicazione di un approccio sistemico ai problemi ambientali, sociali ed economici (Barile, 2012; Barile et al, 2012, 2014, 2015; Simone et al. 2018); le smart city si definiscono tali perché, contestualmente alla loro progettazione, vengono perseguiti obiettivi di sviluppo sostenibile, di efficienza energetica, innovazione e riduzione delle emissioni inquinanti. Lo scopo del presente capitolo è quello di studiare i processi che hanno portato ad includere nelle politiche globali progetti di riqualificazione urbana, ed analizzare in modo critico le sue performances ambientali.
9788868129903
Cities and megacities constitute the ultimate horizon of our global civilization. The urbanization process that has occurred over the past fifty years has yielded unprecedented results: more than half of the world's population now lives in urban centers, with estimates that they are steadily growing for the coming decades. If the city of the past, that is to say the industrial city, was the result of the technology of the age, and therefore of industrialization, what is the urban equivalent of current technology? In a context in which technology and network connections are more and more pervasive, new models of cities are born with the word "smart" as an adjective. Therefore, smartness can be traced in the application of a systemic approach to environmental, social and economic problems (Barile, 2012, Barile et al, 2012, 2014, 2015, Simone et al 2018); smart cities are defined as such because, together with their design, objectives of sustainable development, energy efficiency, innovation and reduction of polluting emissions are pursued. The purpose of this chapter is to study the processes that have led to the inclusion of global urban redevelopment projects in global policies, and to critically analyze its environmental performance.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Conti_smart-city_2018.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2 MB
Formato Adobe PDF
2 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1084334
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact