La lingua di Shakespeare e l'ingiuria del tempo: tradurre Troilo e Cressida