When considered out of the context of the genesis of his philosophical project of a rebirth of classical political philosophy, Leo Strauss’s interpretation of Islamic and Arabic philosophy raises doubts as to its philological accuracy. Strauss’s works on al-Fārābī and the Islamic sources of Maimonides, which he examined repeatedly over the course of his career, should in fact be considered in the light of his greater philosophical project and of his conviction that any enquiry in the realm of the history of philosophy is at the same time also a philosophical enquiry. The aim of this article is to re-examine Strauss’works on Islamic and Jewish philosophy of the Middle Ages, which had a large influence on the contemporary historiography of medieval Arabic philosophy, in the light of his philosophical project and his interest in the tradition of nineteenth-century Jewish scholarship.

Considerato al di fuori del contesto della genesi del suo progetto filosofico di rinascita della filosofia politica classica, l'interpretazione straussiana della filosofia araba ed islamica fa sorgere molti dubbi circa la sua accuratezza filologica. Le opere di Strauss sul filosofo medievale Alfarabi e sulle altri fonti islamiche di Maimonide, da lui esaminate più volte nel corso della sua carriera, dovrebbero però essere considerate alla luce del suo progetto filosofico nel suo insieme e alla luce della sua convinzione che ogni ricerca nell'ambito della storia della filosofia è allo stesso tempo anche sempre una ricerca filosofica. Esaminata da questo punto di vista l'opera di Strauss sui filosofi medievali arabi ed islamici getta luce sulla sua intenzione di reintepretare la filosofia politica platonica. Lo scopo di questo articolo è perciò quello di riesaminare l'analisi straussiana della filosofia araba e riconsiderare l'influenza che questa ha avuto sulla storiografia contemporanea della filosofia araba medievale.

Some remaks on Leo Strauss's philosophical-political reading of medieval islamic and jewish philosophers / Adorisio, Chiara. - STAMPA. - (2019), pp. 65-78.

Some remaks on Leo Strauss's philosophical-political reading of medieval islamic and jewish philosophers

Chiara Adorisio
2019

Abstract

Considerato al di fuori del contesto della genesi del suo progetto filosofico di rinascita della filosofia politica classica, l'interpretazione straussiana della filosofia araba ed islamica fa sorgere molti dubbi circa la sua accuratezza filologica. Le opere di Strauss sul filosofo medievale Alfarabi e sulle altri fonti islamiche di Maimonide, da lui esaminate più volte nel corso della sua carriera, dovrebbero però essere considerate alla luce del suo progetto filosofico nel suo insieme e alla luce della sua convinzione che ogni ricerca nell'ambito della storia della filosofia è allo stesso tempo anche sempre una ricerca filosofica. Esaminata da questo punto di vista l'opera di Strauss sui filosofi medievali arabi ed islamici getta luce sulla sua intenzione di reintepretare la filosofia politica platonica. Lo scopo di questo articolo è perciò quello di riesaminare l'analisi straussiana della filosofia araba e riconsiderare l'influenza che questa ha avuto sulla storiografia contemporanea della filosofia araba medievale.
978-2-7116-2855-1
When considered out of the context of the genesis of his philosophical project of a rebirth of classical political philosophy, Leo Strauss’s interpretation of Islamic and Arabic philosophy raises doubts as to its philological accuracy. Strauss’s works on al-Fārābī and the Islamic sources of Maimonides, which he examined repeatedly over the course of his career, should in fact be considered in the light of his greater philosophical project and of his conviction that any enquiry in the realm of the history of philosophy is at the same time also a philosophical enquiry. The aim of this article is to re-examine Strauss’works on Islamic and Jewish philosophy of the Middle Ages, which had a large influence on the contemporary historiography of medieval Arabic philosophy, in the light of his philosophical project and his interest in the tradition of nineteenth-century Jewish scholarship.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Adorisio_Some_2019.pdf

solo gestori archivio

Note: http://www.vrin.fr/book.php?code=9782711628551
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 6.44 MB
Formato Adobe PDF
6.44 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1061956
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact