Giulio De Angelis e il corpus di disegni sui “soggetti Barberini”