Il Novecento tragico: la banalità del male totalitario e lo scivolamento nel ruolo