La performance della soggettività tra scena e studi di genere