La resilienza del paesaggio: elogio della diversità