Elio Petri, il cinema di sinistra e l’industria culturale