Hudson, il grande sud e la memoria primordiale