Orazio, Cleopatra e il cibo sacro