Il “nuovo soggetto nomade” tra teorie femministe, linguaggi scientifici e post-memory: Ulrike Draesner